Istituto Superiore Scienze Religiose "San Giuseppe Moscati" di Benevento

Collegato alla Pontificia Facoltà Teologica dell'Italia Meridionale
Promosso dalle Arcidiocesi di Benevento e Campobasso-Bojano, dalle Diocesi di Avellino e Cerreto S.
Telese T. - S. Agata de' Goti e dall'Abbazia di Montevergine

Menu      
In evidenza      


Nota Storica      

1 - Negli anni successivi al Concilio Ecumenico Vaticano II, sull'onda di una crescente domanda di cultura teologica da parte del laicato che si sostanziava di reali esigenze pastorali (una migliore qualificazione teologica delle religiose, i laici chiamati in sempre maggior numero a compiti di evangelizzazione, l'istituzione del diaconato permanente, l'urgenza di catechisti preparati, di animatori liturgici, di operatori pastorali, il problema dell'insegnamento della Religione cattolica nella scuola statale), si cominciò a pensare e a discutere di un istituto formativo con carattere di organicità, in grado di promuovere una risposta complessiva a tali richieste nell'Arcidiocesi. Gli stessi Vescovi italiani in un documento del 16 gennaio 1968 su Magistero e teologia nella Chiesa sollecitavano ?una seria cultura teologica fra il clero e il laicato sia a livello di ricerca sia a livello di divulgazione prudente e sicura?. Probabilmente nella preoccupazione per una ?divulgazione prudente e sicura?, in anni di sconsiderate fughe in avanti e di sperimentalismi talora sterili, si trova la motivazione dello scarto tra l'emergere della richiesta, la capacità di coglierla e analizzarla e l'attivazione della risposta concreta. Nel novembre 1980, dopo una lunga fase di preparazione, per volontà dell'arcivescovo Mons. Raffaele Calabrìa fu avviata una Scuola superiore di Scienze religiose di durata triennale. L'iniziativa trovò larga e immediata rispondenza, tanto che le iscrizioni al primo anno del corso furono di circa centoventi alunni tra laici, religiosi e religiose. La Scuola, gestita dall'Ufficio Catechistico diocesano era ubicata nei locali delle Suore Orsoline in Via G. Rummo e dei Padri Conventuali a Piazza Dogana in Benevento e presentava un curricolo triennale con sei ore settimanali di lezione da novembre a maggio. Il piano di studi era incentrato sulle discipline teologiche fondamentali: Sacra Scrittura, Teologia dogmatica, Teologia morale, Storia della Chiesa, Filosofia, Dottrina sociale della Chiesa.
2 - Intanto, intorno alla metà degli anni ottanta nuove esigenze maturavano nel seno della società e della Chiesa italiana, ponendo questioni organizzative e strutturali. In particolare: - l'art. 9.2 della legge 25 marzo 1985, n. 121, e il D.P.R. 16 dicembre 1985, n. 751, stabilivano una specifica normativa in merito alla qualificazione professionale dei docenti di Religione cattolica nelle scuole statali; - il 19 maggio 1985 le commissioni CEI per la dottrina della fede, la catechesi e la cultura e per l'educazione cattolica pubblicavano una fondamentale nota sul tema La formazione teologica nella Chiesa particolare; il 10 aprile 1986 e il 12 maggio 1987 la Congregazione per l'Educazione cattolica emanava una Nota illustrativa e la relativa Normativa sugli Istituti Superiori di Scienze religiose; - nelle assemblee dei mesi di febbraio e maggio 1986 la CEI approvava la delibera sui criteri per il riconoscimento degli Istituti di Scienze religiose. Proprio la nota episcopale su La formazione teologica nella Chiesa particolare ribadiva la necessità per ogni Chiesa locale di preoccuparsi della propria crescita teologica, sottolineava l'opportunità di provvedere in concreto a tempi e spazi dedicati specialmente a tale impegno come si fa per la preghiera e la contemplazione (n. 3); auspicava la pianificazione degli studi per gli istituti operanti nella medesima area con il riconoscimento dei diplomi da essi rilasciati sull'intero territorio nazionale (n. 7). Nel 1985/1986 la Scuola diocesana di Scienze religiose ripensò la sua struttura organizzativa e la sua fisionomia, orientandosi verso la forma dell'Istituto di Scienze Religiose (= ISR). Di fatto, su richiesta dell'arcivescovo Mons. Carlo Minchiatti, la CEI riconobbe, con nota prot. n. 979/86 dell'8 luglio 1986, l'ISR ?G. Moscati? dell'arcidiocesi di Benevento, autorizzando a rilasciare il Diploma in Scienze religiose. Contestualmente furono approvati lo statuto, il piano degli studi, i programmi d'insegnamento e i testi dei singoli corsi. L'Istituto così, a partire dall'anno 1986, conquistava altra valenza giuridica e altro modulo formativo: posto alle dirette dipendenze dell'Ordinario diocesano, che ne era anche il presidente, con due indirizzi (pedagogico-didattico e catechetico-ministeriale), articolava i corsi nell'arco di quattro anni con un piano di studi che prevedeva 28 insegnamenti e 3 seminari.
3 - Ulteriore passo verso una definitiva qualificazione sul piano giuridico è stato compiuto con l'erezione accademica dell'Istituto Superiore di Scienze religiose (= ISSR). Infatti, dopo l'affiliazione dello Studio teologico diocesano ?Madonna delle Grazie? al Pontificio Ateneo ?Antonianum? di Roma con decreto n. 1558/86/3 della Congregazione per l'Educazione cattolica del 16 gennaio 1989, ai fini di favorire l'omogeneità tra Studio teologico e Istituto di Scienze religiose, si è operato per la costituzione di una sezione dell'ISSR ?Redemptor Hominis? dello stesso Pontificio Ateneo ?Antonianum?. Pertanto, in data 2 febbraio 1990, la Congregazione per l'Educazione cattolica ha eretto a Benevento la sede distaccata dell'ISSR ?Redemptor Hominis? e ne ha approvato gli statuti per un periodo sperimentale di quattro anni con i decreti n. 1252/89/5 e n. 1252/89/7. L'ISR ?G. Moscati?, dal 1990, è stato così assorbito e sostituito gradualmente dall'ISSR ?Redemptor Hominis?. Nell'arcidiocesi di Benevento l'Istituto ha inteso presentarsi come un'organica proposta di studi universitari rivolta specialmente a religiosi e religiose, a candidati ai ministeri istituiti o di fatto riconosciuti e al diaconato permanente, a responsabili della catechesi e operatori pastorali, a formatori e formatrici di gruppi, movimenti e associazioni ecclesiali, a docenti di Religione cattolica nelle scuole di ogni ordine e grado, a laici desiderosi di approfondire la propria fede. Il curricolo quadriennale di studi ha offerto e continua ad offrire ?una essenziale e relativamente completa conoscenza istituzionale della teologia e dei suoi necessari presupposti in filosofia e complementi in altre scienze umane? (dalla Nota illustrativa della Congregazione per l'Educazione cattolica del 10 aprile 1986). A queste tre aree si aggiunge un quarto ambito specifico dell'indirizzo prescelto, dal momento che sono previste due opzioni: indirizzo pedagogico-didattico, indirizzo pastorale-ministeriale. Il corso, impostato su criteri di scientificità, organicità e completezza, legato fino all'a.a. 2005-2006 alle strutture universitarie della Facoltà di Teologia del Pontificia Università ?Antonianum?, caratterizzato da una propria originalità di metodo nell'indagine teologica, abilita al grado accademico di Magisterium in Scientiis Religiosis. Questo titolo è valido per proseguire gli studi ecclesiastici ai fini del conseguimento dei gradi accademici superiori (baccellierato - licenza - dottorato) ed è in Italia requisito professionale, richiesto dal D.P.R. n. 751 del 16 dicembre 1985 e successive modificazioni, per ricevere l'incarico di insegnamento della Religione cattolica nelle scuole secondarie di primo e secondo grado. Dall'Anno Accademico 2006-2007 l'ISSR di Benevento è collegato alla Pontificia Facoltà Teologica dell' Italia Meridionale di Napoli ed ha intrapreso il cammino di revisione dei propri statuti e dei piani di studio secondo le direttive emanate dalla Conferenza Episcopale Italiana per la conformazione degli studi di teologia ai parametri accademici europei previsti dal processo di Bologna. L'opera di riordino si è conclusa il 28 Novembre 2007 con il decreto 1404/2007 della Congregazione per l'Educazione Cattolica che ha accademicamente eretto l'ISSR di Benevento abilitandolo a rilasciare i nuovi gradi accademici di Laurea in Scienze Religiose (equivalente alla laurea dell'ordinamente Statale - dopo un triennio di studi) e di Laurea Magisterale in Scienze Religiose (equivalente alla laurea specialistica dell'ordinamento Statale - dopo un quinquennio di studi).
4 ? L'opera di riordino degli ISSR non si è fermata e negli ultimi anni si è proceduto ad una loro razionalizzazione sul territorio nazionale, riducendone il numero. In vista di tale riordino si è reso necessario procedere, per quanto possibile, ad accorpamenti tra ISSR ovvero alla nascita di nuove istituzioni che fossero espressione di una maggiore sinodalità e condivisione del progetto degli ISSR. IN quest'opera di nuovo riordino, l'ISSR beneventano è giunto all'accorpamento con l'ISSR avellinese che conclude le sue attività con l'a.a. 2017-18. Nello stesso tempo si è esteso il progetto dell'ISSR ad altre Chiese che volessero condividerlo. Il nuovo ISSR beneventano intitolato da San Giuseppe Moscati eretto canonicamente dalla Congregazione per l'Educazione cattolica in data 4 maggio 2017 è promosso dall'Arcidiocesi di Benevento, dall'Arcidiocesi di Campobasso-Bojano, dalla Diocesi di Avellino e Telese nonché dall'Abbazia territoriale di Montevergine.

Bacheca      
Area riservata